Loading...
SUVERETO 2017-09-12T10:00:30+00:00

Trova le migliori soluzioni per dormire a

SUVERETO

Val di Cornia, Suvereto



Booking.com

BENVENUTI A SUVERETO

Un caloroso benvenuto da Suvereto,uno dei cinque comuni della Val Di Cornia.Il borgo di Suvereto,collocato a est rispetto agli altri,è il secondo comune della valle per estensione con i suoi 92 km quadrati, dopo i 129 di Piombino.Il borgo si presenta agli occhi del visitatore che si trova ad attrversare la Val di Cornia come un gioiello incastonato sulle colline sovrastanti. Il suo nome sembrerebbe risalire intorno all’anno 1000 e deriverebbe dal latino “suber” ossia sughero,da quest perciò deduciamo che l’attuale Suvereto sarebbe stata in passato un bosco dei sugheri. In effetti anche ai nostri giorni il borgo di Suvereto risulta essere immerso e circondato da boschi di sughero,querce e castagni.Un paese accogliente, caloroso, capace di far sentire a casa propria chi è solo di passaggio o si trova a soggiornare in uno degli innumerevoli agriturismi che popolano questo meraviglioso territorio,tutto questo e’ Suvereto un luogo dove è anche possibile visitare importanti monumenti e chiese;come non citare le ” cinque fonti “,il “Chiostro di San Francesco”,il Palazzo Comunale del XIII  secolo e molte altre cose da vedere ancora. Se non vi siete troppo stancati nel percorrere le ripide stradine che compongono il centro storico di Suvereto,non vi resta che avventurarvi alla scoperta dell’incantevole territorio circostante, zona che offre numerosi  percorsi trekking immersi nel boscho. A pochi kilometri da Suvereto, una volta percorsa una strada carrabile che si inerpica sulla collina alle spalle del paese, è consigliabile fare una sosta a Belvedere di Suvereto; luogo dove nelle limpide giornate estive è possibile arrivare ad ammirare in lontananza la sagoma delle isole dell’arcipelago e buona parte degli angoli della Val di Cornia.Il comune di Suvereto riveste un ruolo di primo piano nella produzione di vini e olio,infatti molte aziende della zona hanno un importanza anche a livello nazionale per la produzione e commercio di questi prodotti.

Foto gentilmente concesse da Roberto Rubiliani

Suvereto da visitare

La Fonte degli Angeli
La Rocca Aldobrandesca
Chiesa di San Giusto
Stradine del Borgo

La Rocca Aldobrandesca

Chiesa di San Giusto

Stradine del Borgo

Suvereto si trova su un colle piuttosto vicino al mare. E’ uno dei borghi più antichi fra quelli presenti in Val di Cornia;nasce infatti quando dopo il crollo dell’Impero Romano, le popolazioni costiere si trasferirono nelle zone collinari più sicure e protette. Il carattere forte degli abitanti di questo paese ed il loro profondo amore per Suvereto ha sempre determinato e contraddistinto la sua storia , nel 1201 diviene il primo comune indipendente della maremma settentrionale, Nel 1228 si allea in modo totalmente libero con Massa marittima fino a quando nel 1237 lo troviamo sotto il dominio di pisa,all’interno della lega Ghibellina; dove rimarrà fino passaggio sotto lo stato di Piombino, nel 1399. Suvereto e’arrivato ai giorni nostri conservando tutte le peculiarità artistiche tipiche della sua storia,questo permette di immergersi nell’atmosfera dei secoli passati anche soltanto facendo una passeggiata .Arrivando a Suvereto ci accoglie la pieve romanica di San Giusto completata nel 1189 ma risalente al IX secolo La facciata è composta da un portale adornato con decorazioni preromaniche e da due colonne sovrastate da leoni accucciati. L’interno è avvolto da una particolare luce proveniente dai rosoni e dalle finestrelle. Vicino S. Giusto una porta merlata introduce il visitatore nel centro storico,dove si trova la chiesa della Madonna di sopra la Porta, terminata nel 1772 grazie all’impegno di tutta la cittadinanza per poter ospitare l’immagine del Miracolo dell’apertura delle porte controcorrente durante un violento nubifragio che minacciava di sommergere gran parte dell’abitato. Sul colle di Suvereto, è visibile uno dei simboli della sua storia,li infatti troneggia la Rocca Aldobrandesca,il borgo è circondato da mura e i torrioni tutti databili intorno all’anno mille .Molto interessante è il Palazzo Comunale risalente al XIII secolo, per la particolarità del suo ingresso costituito dal loggiato dei Giudici, così chiamato perché nel medioevo i Magistrati locali pronunciavano le loro sentenze proprio da questo lungo . Dalla parte opposta, rispetto al luogo degno di una nota particolare è l’antico convento di San Francesco, di cui si può ancora ammirare il portale e il rosone, la torre campanaria ed ancora ben conservato è il suggestivo Chiostro del convento . Il complesso risale al 1286-1288 e fu in possesso dei frati francescani,fino alla fine del ‘700. Vicino al chiostro sorge la chiesa del Crocifisso,del 1500,nata per ospitare un simulacro quattrocentesco patrono di Suvereto.Molto interessante è anche la Porta di sopra detta Porticciola con a fianco un bellissimo torrione .Impossibile non menzionare il rione Rotaio che ha particolari vicoli,suggestivi scaloni che conducono al castello, e meravigliosi giardini pensili.

WWW.INVALDICORNIA.IT IL PORTALE TURISTICO DELLA VAL DI CORNIA

BY Giovanni D’Attile & Luigi Lunghi WordPress Theme On The Market.

val di cornia turismo toscana piombino sassetta san vincenzo suvereto campiglia marittima