Descrizione Progetto

Sassetta, val di cornia, livorno

Sassetta

Sassetta : Questo ameno paese circondato da fitti boschi è posto in una stretta valle , chiusa dai monti vicinissimi . Per chi guarda Sassetta dalla strada che proviene da Monteverdi la vede inchiodata  sulla viva roccia , in alcuni punti è a strapiombo sulla valle e sui botri sottostanti .

Se nel silenzio tendi l ‘orecchio , odi scrosciare le acque nel fondo e il chioccolio delle fontane sulla strada  . Se esci dal paese e prendi la via che porta a Monteverdi  o quella che conduce a Suvereto , il panorama che era chiuso dai monti , subito ti si allarga : la strada per la Val Canina più che ti inoltri ti appare una terrazza di belvedere . In basso e lontano , campi verdi sterminati , nastri tortuosi delle vie campestri e un infinita pace .

L ‘aria finissima e salubre ti porta il sottile profumo della campagna mist a quello montanino . Qui siamo a pochi chilometri dal mare . Potresti vederlo…se non ci fosse un costone che ti vieta la vista diretta su San Vincenzo . Ma se puoi salire la breve strada per arrivare sul ciglio ( e non è molto faticosa ) scorgi il mare che brilla e vedi il biancore delle case disseminate sulla spiaggia .

Ti persuadi così che i dintorni della costa etrusca sono a portata di bicicletta . Questi monti si congiungono al Monte Calvi, ai poggi di Castagneto e a quelli detti della Gherardesca .Oggi Sassetta è meta domenicale dei pisani e di altre province . E’ luogo di caccia rinomatissimo ed è attrezzato come luogo climatico e salubre .

 

Descrizione tratta dal libro intitolato  ” Su e giù per la Costa etrusca i dintorni e L’isola d’Elba ” di Sirio Saggini conservato presso l’archivio storico del comune di Piombino.