Monastero Benedettino di San Giustiniano di Falesia

Monastero Benedettino

Monastero Benedettino di San Giustiniano di Falesia o Faliegi.Falesia o Falegi era un villaggio,che sorgeva nelle vicinanze di un antica stazione dell’Aurelia, nella rada a levante di Piombino presso l’antico porto,oggi conosciuto con il nome di Portovecchio.Questo villaggio esisteva,come ci riferiscono testimonianze scritte,già nel 471 dell’Era Volgare,è infatti Rutilio Namaziano che c’è ne narra la presenza nel suo Itinerario.Quivi,un certo Ugo o Ugone,figlio del conte Tedice o Teodorico,fondò,nel 1022,nelle terre dei conti Della Gherardesca,il Monastero di S.Giustiniano,che i monaci benedettini tennero,con beni e privilegi(tra i vari possedimenti spiccava il castello e la Rocca di Piombino),fino all’anno 1256.Esso passò,poi,nell’ottobre dello stesso anno,per ordine di Papa Alessandro IV,alle Monache Clarisse di Massa,insieme con i beni e privilegi che godevano i benedettini,e ad una cappella ,poco distante dal Monastero,detta “S.Maria”.Il monastero sorgeva dove si trova oggi l’aria industriale,non si sa,con esattezza,quando e come e perchè il Monastero poi convento dei Frati Francescani fù distrutto.Si suppone che ciò sia avvenuto,nel 1501,al tempo dell’assedio del Duca Valentino,Cesare Borgia.

Descrizione tratta dal libro intitolato ” Piombino ” di Avv.Edmondo Rodriguez conservato presso l’archivio storico del comune di Piombino.Foto Le strade del Ferro.it

Monastero