san carlo chiesa santa barbara
  • San Carlo veduta panoramica frazione di san vincenzo comune della val di cornia
  • San Carlo cave frazione di san vincenzo
  • San Carlo vigneto colline val di cornia
  • San Carlo veduta di san vincenzo comune di San Vincenzo Val di Cornia
  • San Carlo frazione del comune di San Vincenzo cave percorsi

SAN CARLO

La frazione di San Carlo dista più o meno 5 chilometri dal comune di San Vincenzo.Questo piccolo paese, disteso sulle colline della val di cornia ,ha una posizione geografica molto favorevole affaccia infatti sul Mar ligure ed è immerso in una rigogliosa vegetazione, tipica della macchia mediterranea;i primi insediamenti umani, in queste zone ,sono molto antichi e possono essere fatti risalire già all’era paleolitica ed etrusca.Uno dei più importanti insediamenti umani ,quello della Rocca Biserno, si sviluppò nel periodo del medioevo.Con l’avvento dei longobardi venne costruito, sulle stesse colline che oggi ospitano le cave Solvay,il castello Biserno che passò poi sotto la proprietà della famiglia dei conti della Gherardesca,e proprio i contrasti intestini fra i componenti di questa nobile famiglia pisana portarono nel anno 1304 ad una parziale distruzione del castello.In seguito alla costruzione della torre costiera e di un pontile di carico per volere della repubblica marinara di pisana prese vita il primo insediamento della comunità di San Vincenzo;da qui in avanti San Carlo registrò sempre meno insediamenti stabili,infatti iniziarono ad esserci sempre più abitati temporanei che si sviluppavano solo per il periodo necessario allo sfruttamento delle risorse minerarie o per l’attività di transumanza che vedevano lo spostamento dei vari gruppi dall’appennino toscano.Nel XV secolo anche San Carlo come tutto il territorio della repubblica pisana passò sotto il dominio di Firenze.Fu nel 1922 che con l’insediamento dell’azienda belga Solvay iniziò un massiccio sfruttamento dei giacimenti di calcare che servivano ad approvvigionare l’impianto di Rosignano,questo portò San Carlo ad assumere l’ aspetto di cittadina moderna che ancora la caratterizzà.Furono infatti realizzate case ed appartamenti per ospitare gli operai della cava ed infine fu costruito un cinema e venne creata la comunità montana; fino a quando il cambiamento delle tecniche di estrazione, da manuale a meccanica ,portò ad una notevole riduzione dei minatori impiegati e di conseguenza anche l’abitato subì un notevole decremento fino al totale abbandono del borgo.Fu negli ultimi decenni degli anni novanta che il borgo di San Carlo scoprì la sua vocazione turistica e iniziò a sviluppare le attuali caratteristiche.All’interno della frazione e’ presente un luogo di culto che prende il nome di Chiesa di Santa Barbara.Da San Carlo attraverso percorsi trekking si può raggiungere i borghi vicini di Campiglia Marittima,Sassetta e Castagneto Carducci.

San Carlo